Cosa vedere a Bellaria Igea Marina: una storia da riscoprire

Nella mia vita ho poche certezze!

Una di queste è Bellaria Igea Marina, la piccola cittadina a nord di Rimini, che per il momento mi offre un lavoro! 😉

Di sicuro, Bellaria Igea Marina è:
– un tramonto in rosa in SUP,
– un’alba color arancio sdraiata in spiaggia dopo una nottata al Beky Bay,
– le grida e i sorrisi della famiglia mascherata al Carnevale d’estate!

Così come ho la certezza che Bellaria Igea Marina non è solo mare . .  .

Ti starai chiedendo cosa c’è da vedere in questa città divisa in due dal portocanale?

. . . e se partissi a raccontartelo iniziando proprio dal portocanale?

Bellaria Igea Marina: cosa vedere

All’inizio del portocanale di Bellaria Igea Marina c’è un ponticello. Se ci sali su avrai la sensazione di essere in due posti nello stesso momento! 

A destra si può lanciare lo sguardo su Igea Marina, la parte estiva della città, quella che si risveglia a partire da marzo dopo un inverno in silenzio.
A sinistra, invece, c’è Bellaria con il suo mondano viale Pinzon ricco di negozi, bar e gelaterie.

Guardando verso il mare si può fare un tuffo indietro nel tempo. Non tanto indietro, una sessantina di anni fa.
Ci si può immedesimare in una delle tante donne in attesa che il marito ritorni dalla pesca con la propria imbarcazione.

E si può provare una sensazione di felicità immaginando di vedere all’orizzonte la vela della barca con i colori della propria famiglia!

imbarcazione bellaria igea marina

Andando verso Bellaria, ci si imbatte nella Torre Saracena.
La Torre Saracena racconta una storia ancor più antica – risalente al XV secolo – fatta di pirati e potere della Chiesa.

torre saracenabellaria igea marina

E’ una fortificazione tipica delle  coste adriatiche, costruita nel 1673, per difendere dalle molte incursioni piratesche, non solo saracene, ma anche di altri gruppi etnici come le popolazioni balcaniche.
Di torri ce n’erano 6, ma questo è l’unico esemplare rimasto del tutto intatto.

Oggi nei 3 piani della fortezza, che puoi risalire attraverso una stretta scala a chiocciola, si trova il Museo delle conchiglie, unico nel suo genere.
La raccolta – nata da una collezione privata, quella della famiglia Desideri di Roma – costituisce un viaggio alla scoperta della conchiglia sia dal punto scientifico, sia nelle sue interpretazioni simboliche in campo artistico.

conchiglie - bellaria igea marina

Addentrandoci  nella parte nord di  Bellaria, verso la ferrovia, il tuo sguardo sarà di sicuro attirato da una costruzione rossa. All’apparenza una casa cantoniera, in realtà sto parlando della Casa Rossa di Alfredo Panzini.

casa rossa-bellaria igea marina

Ma chi è Alfredo Panzini? Ti chiederai a ragion veduta!
Anch’io prima di essere catapultata in Romagna non lo avevo mai sentito nominare. . .
Il problema è che non appartiene a quegli scrittori eletti che si studiano a scuola pur essendo tra gli autori del Dizionario Moderno edito da Hoepli nel 1905.

La Casa Rossa è stata costruita nel 1906 come residenza estiva dello scrittore.
Al suo interno oggi, la Casa Rossa, ospita alcuni degli scritti e  degli arredi originali di inizio Novecento.

Ma quello che colpisce (o per lo meno mi ha colpito!) sono le decorazioni in stile liberty con richiami al tema del viaggio.
Alfredo Panzini infatti fu un antecedente di noi moderni travel bloggers, come ci testimonia La lanterna di Diogene.
La lanterna di Diogene è il libro scritto da Panzini in cui ci racconta di una bicicletta, quella ancora conservata nel suo salotto, un viaggio nell’Italia dei piccoli paesi, delle cose semplici, dei personaggi autentici.
Un viaggio non solo nello spazio e nel tempo, ma soprattutto un viaggio sentimentale.

Spostandoci invece sul lato mare di Bellaria, vicino al vecchio e ormai chiuso Cinema Apollo, tra una villetta e l’altra si può scovare un Bunker Tedesco Antisbarco, che all’apparenza ti sembrerà una strana  struttura in cemento armato posta in posizione sbilenca!

bunker tedesco bellaria igea marina

Dopo tutto questo camminare di sicuro sarai stanco!

Allora lo sai che ti suggerisco?
Resta in spiaggia, chiedi a noleggio una tavola da SUP e goditi il tramonto in mare!

Cosa è il SUP?

Ah ma allora non sai proprio niente!

E’ una variante del surf e ci si sposta utilizzando una pagaia . . . e se ce l’ho fatta io a stare in equilibrio, ce la puoi fare anche tu! 😛

sup bellaria igea marina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*