Il dopo Halloween a Foggia, ovvero la Festa dei Morti

Non ti lasciare ingannare dal titolo, non sto per parlarti di zombie o fantasmi, ma di una tradizione legata alla mia città – che se te ne fossi dimenticato è – Foggia . . . non lo dire! So a cosa stai pensando “Fuggi da Foggia, non per Foggia, ma per i foggiani”.

A Foggia, più che Halloween – per lo meno quando ero piccola io (no, i dinosauri non c’erano più!) – non festeggiavamo Ognissanti quanto i Morti.

Mia nonna mi ha sempre detto “Non devi avere paura dei morti, ma dei vivi”.   E con questo mantra ogni anno la sera del primo novembre ci apprestavamo ad apparecchiare la tavola per il mio defunto nonno.

Oltre le posate, sai quale piatto lasciavamo per l’arrivo notturno di mio nonno?

Il grano cotto o “u grn cutt”, come lo chiama mia nonna nel suo sapiente dialetto da ultra 90enne 🙂

Ti stai chiedendo cosa è ?

E’ un dolce che – nota bene! – si prepara il primo novembre e si mangia, una sola volta all’anno, il 2 novembre, durante la festa dei morti!

Ed oggi sei davvero fortunato, perché nonna Antonietta era in vena e mi ha dato la sua ricetta.   Sei pronto a cucinare?

Ecco la lista degli ingredienti, che ti dovrai procurare prima di cominciare a cucinare
  • 200 gr di grano
  • 70 gr di cioccolato fondente
  • 6 o 7 noci
  • chicchi di una melagrana
  • 1 tazza di vincotto
  • uva passa e canditi

Image and video hosting by TinyPic

Non ti spaventare la preparazione è facile e veloce se non fosse che – se vuoi seguire alla lettera la tradizione di nonna Antonietta – devi mettere a bagno il grano almeno 24, prima di cuocerlo.    E quando lo cuoci, devi farlo per circa un’ora.

Nel frattempo ti stai chiedendo cosa puoi fare?

Potresti cominciare spezzettando grossolanamente il cioccolato e le noci.   O ancora, potresti togliere i chicchi dalla melagrana.

Trascorsa, l’ora di cottura, scola il grano e fallo raffreddare.   Adesso che è freddo, non ti resta che aggiungere tutti gli ingredienti: cioccolato, chicchi di melagrana, noci e uva passa e canditi.
Mescola bene gli ingredienti insieme ed unisci il vincotto.

Lascia insaporire per almeno una mezz’ora e poi potrai servire. 

grano cotto festa dei morti

Ma il bello della Festa dei Morti, per una bimba di Foggia sai qual era? 

Svegliarsi la mattina del 2 novembre e andare alla ricerca della calza.   Quando io ero bambina, a me la calza, non la portava di certo la Befana il 6 gennaio, ma mio nonno. . . piena di dolci!   Per la felicità del mio dentista 😛

Image and video hosting by TinyPic

E puoi immaginare la felicità dei bambini in visita ai defunti al cimitero?   Per un intero giorno, un luogo di morte si trasformava in un posto festante.

E nella tua città esiste una tradizione legata all’1 o 2 novembre?

travel365- vota qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*