Amor, ch’ha nullo amato amar perdona: Gradara

Alle ragazze si sa le storie d’amore piacciono. . . forse perché aiutano l’immaginazione e a pensare al lieto fine di Walt Disney!

L’amore segreto chiuso nel castello di Gradara, non ha un lieto fine, ma è assai noto.
Impossibile non aver sentito parlare di Paolo e Francesca, i protagonisti del canto V dell’Inferno dantesco!

gradara paolo e francesca

Spinte da curiosità in una domenica libera con Valeria abbiamo preso un bus e da Rimini siamo salite a Gradara! (Allora, quella del bus è una pessima idea, perchè bisogna fare 3 cambi e ci impiegate un’ora circa, quando in treno in mezz’ora potete essere lì e uguale discorso per l’auto!)

Come si arriva a Gradara, dopo una piccolissima salita, ad accoglierci c’è il piccolo borgo medievale, che lascia senza parole per la sua finezza e storicità rimasta intatta negli anni.

Su tutto si erge il castello di Gradara, una vera e propria fortezza medievale, protetto da due cinte murarie, la più esterna delle quali si estende per quasi 800 metri.

gradara castello

Un giretto al suo interno tra le legende e i miti che può racchiudere un antico castello lo abbiamo fatto, rimanendo incantate dallo spettacolo che offre il castello al suo esterno. La fortezza sorgendo su una collina offre la possibilità di arrivare con lo sguardo fino al mare Adriatico.

vista sull adriatico

Ma si sa che la cultura stanca, poteva mancare un giro tra i sapori delle Marche?

Le tipiche trattorie di Gradara offrono una cucina che è un mix tra la cultura marchigiana e romagnola, rigorosamente casalinga. 

Il Piatto tipico di Gradara sono i Tagliolini con la Bomba; un piatto della tradizione contadina facile da preparare! Altro non sono che tagliolini con cipolla e lardo

Rimanendo in ambito magnereccio, da non perdere l’iniziativa Il Medioevo a Tavola, giornate dedicate alla cucina medievale organizzate nel corso dell’anno, nelle quali i ristoranti del borgo si trasformano in taverne quattrocentesche, un vero e proprio salto nel passato.

 Antonietta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*