Foggia: uno sfavillante Natale colorato

Premettendo che il Natale è giù – e quando dico giù non mi riferisco al piano di sotto, soprattutto perché vivo a pianoterra e potrei solo scendere agli inferi.

Ma te lo immagini un Natale rosso fuoco con Disco Inferno sottofondo?
Una sola parola, WOW!

. . . sto divagando e Yoast Seo mi suggerisce di rendere sempre chiaro, dal principio, l’argomento di cui voglio parlare!

Quindi, torniamo al Natale.

Il Natale a Foggia mi ha fatto un regalo inaspettato.

Adesso, dopo 33 anni (quasi) ho la certezza che i miei genitori non mi hanno adottato!

Ti starai chiedendo il perché di tanta sicurezza?

Ho notato di avere la fervida immaginazione di mia madre – Loredana – e il ciglio sempre incazzato (anche quando siamo felici) di mio padre – Mimmo.

Con la faccia arrabbiata e la mente sempre in viaggio, ti voglio portare in giro per la mia città d’origine, Foggia (Foggia – Foggia), e fartela scoprire vestita a festa!

Natale a Foggia: cosa vedere

Partendo da casa mia, e volendo raggiungere il centro, la prima cosa da vedere per il Natale foggiano è il Presepe Artigianale custodito all’interno della Cripta della Chiesa Cattedrale.

Finalmente il presepe come piace a me! Con lo stagno e le paperelle che ci sguazzano, un uomo che -animato da un qualche congegno – disfa la lana, il pizzaiolo con il forno a legna, le luci che si accendo e spengono.

presepe natale foggia

Scusate per la qualità della foto, ma lo sfavillare delle luci decorative cozzava con la fotocamera del mio Huawei.

Camminando verso il centro della città, mi sono resa conto che quest’anno l’amministrazione comunale non ha badato a spese e ha donato a Foggia delle sfavillanti luminarie.  

Non voglio subito turbarti con il pacchiano, quindi partiamo dal sobrio!

Partiamo dalle luminarie che percorrono le vie del centro: danno la sensazione di camminare al di sotto di un manto di stelle sproporzionate gialle e rosse.

Natale Foggia luminarie

Pochi passi più in là, verso sud, e si arriva alla villa comunale, dove è stato allestito l’albero di Natale

Te lo dico siamo arrivati al pacchiano*, ma – a me – nonostante tutto piace!

*Pacchiano: chiassoso, grezzo – per i non originari di Foggia che stessero leggendo.

Albero di Natale Foggia

Ricordi la fervida immaginazione di mia madre?

Ecco, l’ha portata a dire che questo albero di Natale è uguale a quello che lo scorso anno era stato allestito a Torino!

Te lo dico sottovoce – per non turbare la sua sensibilità – lo scorso anno per tutto il mese di dicembre non si è mossa da Foggia.

Visto che mi trovo, continuo viaggiando con la fervida immaginazione di mamma Loredana, e stavolta ti porto a nord del corso principale.

Eccoci alla Galleria Vittorio Emanuele di Milano in versione Kitsch. . . Più che Kitsch, forse sarebbe meglio dire da festa patronale del 15 agosto! 😉

galleria natale foggia

Natale a Foggia da mangiare

Fino al 24 dicembre, proprio alle spalle della galleria, in piazza Cesare Battisti – per chi come me si fosse perso il primo appuntamento –  ci sarà l’edizione natalizia di Libando per tuffarsi nel gusto del cibo di strada made in Puglia.

libando natale foggia

Foggia: ma che sorpresa!

Non ricordo se mai in vita mia abbia assistito a un Presepe Vivente, ma fatto sta che nel 2016 mi ci sono imbattuta nella stradina della Chiesa di san Domenico.

E’ davvero emozionante! Sembra di fare un salto nel passato.

Ho passeggiato di fianco a un gruppo di venditori di caldarroste, ho ammirato l’antica arte dell’intrecciare i cesti di vimini e del tessere, mi sono persa tra le chiacchiere delle comari che impastavano orecchiette e sbucciavano le nociolle*!

“Le nociolle” è un termine che usiamo per indicare in primis le noci, ma anche le arachidi, i pistacchi . . .
Viene usato quasi a fine pasto quando tua nonna dice “Pij i nocell”.

Ho scoperto un mestiere di cui ignoravo l’esistenza: il Conza Grast – mi pare di aver capito che sia il vasaio.

presepe vivente

. . . se hai avuto l’ardore di arrivare fino a questo punto del post, voglio dirti un’ultima cosa:

Buon Natale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*