Firenze che scoperta: Orsanmichele da vedere e Mercato centrale da mangiare!

Firenze è una di quelle città italiane che ti stupisce ogni volta che la visiti. Una città in cui potresti girare ore e ore senza mai aver visto tutto.
Un vero gioiello di arte e cultura.
E’ una di quelle città che conosci di solito durante le gite scolastiche, ma nella quale è sempre un piacere tornare.

Il Duomo e il Battistero, la cattedrale di Santa Maria del Fiore insieme agli Uffizi e al Ponte Vecchio sono quei luoghi che ogni turista ama fotografare e guardare mille volte.

Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Ma, Firenze è una vera scoperta. Nella mia ultima visita sono rimasta incantata da Orsanmichele che si trova in una delle stradine del centro.

Image and video hosting by TinyPic
La sua storia mi è stata raccontata da una volontaria dell’Accademia delle Arti e del Disegno. Questa Accademia si trova di lato a OrsanMichele ed è la più antica del mondo dedicata alle arti e al disegno.

La visita della scuola è gratuita, ed è possibile visitare la Sala delle Adunanze e la Saletta degli Accademici.
Nella Sala delle Adunanze sono conservate sculture e dipinti, oltre ai ritratti dei Luogotenenti e Presidenti dell’Accademia.

Voluta da Cosimo de’ Medici, accogliendo un’idea del Vasari, l’Accademia è tuttora attiva ed ospitata al piano superiore di questo edificio.
La Sala delle Adunanze, come suggerisce il nome, veniva usata per adunare gli artisti e gli intellettuali per decidere quali opere realizzare, prime tra tutte quelle per la famiglia dei Medici.

Incuriosita dal racconto su Orsanmichele ho deciso di rientrare, dopo una visita veloce.
Questa chiesa ha attraversato una storia molto particolare.
Dopo essere stata costruita nel ‘300 è stata trasformata in un deposito di grano. Ancora oggi infatti nella chiesa sono presenti delle fessure dalle quali un tempo facevano scendere appunto il grano.
L’esterno della chiesa invece presenta statue che rappresentano le Arti. Si tratta in realtà di copie, mentre le opere originali sono custodite al piano superiore della Chiesa, dove oggi è allestito un museo.

Image and video hosting by TinyPic

Vale la pena salire qualche altra scala per ammirare, dall’ultimo piano una vista spettacolare su tutta Firenze.

Image and video hosting by TinyPic

L’interno, invece, conserva tracce di antichi affreschi, ma la principale attrazione è il tabernacolo dell’Orcagna, che incornicia una bellissima Madonna con bambino (1347) di Bernardo Daddi.

Altra tappa imperdibile, questa volta per deliziare il palato, è il Mercato Centrale. Situato in Piazza del Mercato, si trova al primo piano dell’edificio che ospita il mercato di Firenze.

Un luogo che ospita il meglio degli artigiani del gusto, insieme anche ad una scuola di Cucina. Un grande open space dove scegliere e provare tutto il meglio del gusto.

Provarli tutti richiede molto impegno, è per questo che ho deciso di fare una selezione!
Dopo essere rimasta incantata a guardare la preparazione dei ravioli cinesi e degli involtini primavera nella bottega di Agie Zhou ho deciso di provare un hamburger di pollo da Enrico Lagoria nel suo Girarrosto.

Image and video hosting by TinyPic

Imperdibile anche il Trapizzino di Stefano Callegari: un involucro di pasta che racchiude vari ripieni.

Image and video hosting by TinyPic

Da provare quello con le melanzane e quelle con burrata e alici! Sarà davvero difficile fermarvi!!!

E per concludere un dolce gelato da Il Cioccolato e Il Gelato di Cristian Beduschi. Qui ho deciso che dopo il pistacchio, è arancia e cioccolato il mio gusto preferito!

Le botteghe sono tantissime quindi lasciatevi guidare dagli odori per scegliere quello che preferite!

Image and video hosting by TinyPic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*